baraonda1.jpgcarn.jpgcarneval22.jpgcarnevale1.jpgcarnevale4.jpgcarnevale5.jpgcarnevale6.jpgcarnevale8.jpgcarnevale9.jpgestatePBQCP.jpggruppo1.jpglogo.pngpalio2.jpgpalio3.jpgpaliobambini.jpgpinolo1.jpgtorneo1.jpg

 

 

Palio delle Contrade di Bobbio

 

 

 REGOLAMENTO PALIO 2017

Per Bobbio, piccola cittadina piacentina di origine alto-medioevale situata nel cuore della Valle del fiume Trebbia, dipinta da Ernest Hemingway come la più bella del mondo, il Palio delle Contrade è la manifestazione folkloristica che più rispecchia l’anima del suo glorioso passato.

 L’antico borgo bobbiese al confine tra Liguria, Lombardia e Piemonte, dimora d’antichi popoli, Liguri, Celti, Galli, Romani e Longobardi, con l’avvento del Santo monaco irlandese San Colombano divenne una potente città cosmopolita; fulcro l’abbazia dedicata al santo che dominò vaste aree del nord d’Italia, come centro d’arte e cultura.

Tra mistero, antichi codici e visibili segni di un passato straordinario, Bobbio divenne musa ispiratrice di molti personaggi storici e scrittori come Umberto Eco, ne “il nome della rosa” che s’ispirò alla storia dello scriptorium, di poeti, artisti e pittori. Oggi ambita meta turistica, inserita nei Borghi più belli d’Italia e Bandiera arancione del Touring Club.

 

Il Palio, una manifestazione di origine medioevale, che vede la sfida dei contradaioli in varie gare di abilità, per la conquista del drappo che corona la Contrada vincente.

Come nel medioevo i cavalieri si sfidavano in singolar tenzone per l’onore, il prestigio ed i favori della propria dama, nuovamente oggi gli atleti bobbiesi, rappresentanti di ogni storica contrada, si sfideranno in varie gare di abilità per decretare la Contrada Regina della città, che per un anno porterà il titolo rimettendolo nuovamente in gioco l’anno seguente.

 

Bobbio, antica contea, nell’epoca dei comuni si fortificò con una doppia cinta di alte mura merlate, dapprima suddivisa in tre Terzieri (castello, abbazia e cattedrale), venne nuovamente suddivisa in Contrade con a capo un capitano.

Cinque le storiche contrade, che prendono nome dalle altrettante porte d’accesso alla città medioevale già esistenti nel XII secolo: Alcarina, Fringuella, Agazza,Legleria e Nova. Ad ognuna di essa è legato un colore ed un proprio stendardo. Colori che vestiranno gli atleti nelle emozionanti sfide che si disputeranno nel centro storico cittadino.

 

La manifestazione sarà aperta dal Corteo Storico che si snoderà dal Castello lungo le vie del centro storico. Sfileranno i personaggi delle varie contrade, rappresentate dal proprio principe e principessa in testa e dal capitano con i vessilli e lo stemma della contrada di appartenenza, a seguire i contradaioli assieme agli atleti.

 

Le sfide che attendono le squadre per l’assegnazione del Palio, si svolgeranno in varie piazze e vie del centro storico.

 

Un ferreo regolamento con giudici severi ed imparziali assegnerà i vari punteggi e penalità ad ogni contrada gara dopo gara, fino a decretare finalmente la Contrada regina di Bobbio.

Ad affiancare il Palio delle Contrade vi è anche il Palio dei Fanciulli disputato dai ragazzini delle contrade bobbiesi.

La giornata si concluderà infine dopo la premiazione finale con le cene di ciascuna contrada nella sua piazza di riferimento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pro Loco Bobbio "Quelli che pontano"